• Immagine di un tratto autostradale Anas percorso da mezzi da lavoro

Tu sei qui

Licenze e concessioni

AVVISO: ESTENSIONE DEI TERMINI DI VALIDITÀ PER I TITOLARI DI LICENZE E CONCESSIONI

A seguito dell’emanazione del Decreto Legge 22 aprile 2021, n. 52 (c.d. Decreto Riaperture) recante "Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19", che ha, tra le altre cose, prorogato lo stato di emergenza al 31/07/2021, la validità delle autorizzazioni e concessioni rilasciate da ANAS con scadenza compresa tra il 31/01/2020 e il 31/07/2021 è prorogata fino al 29/10/2021, come previsto dall’art. 103, comma 2, D.L. n. 18 del 17 marzo 2020 (convertito in legge dalla L. 27/2020 G.U. n. 110 del 29.04.2020) così come modificato dalla legge 159/2020 di conversione del DL 125/2020.

Per beneficiare dell’estensione, il titolare dell’autorizzazione o della concessione è comunque tenuto a comunicare tramite PEC, alle Strutture Territoriali Anas competenti, la volontà di avvalersi della proroga al fine di consentire ai suddetti uffici di comunicare eventuali ulteriori prescrizioni.

Per eventuali chiarimenti e/o indicazioni, sono disponibili gli uffici delle competenti Strutture Territoriali raggiungibili agli indirizzi e-mail/PEC presenti nel sito aziendale (vai alla pagina dei contatti).

 


 

Compito primario istituzionale di Anas è quello di garantire la sicurezza della circolazione, la tutela del patrimonio della rete stradale di interesse nazionale e la valorizzazione dei beni immobili di proprietà. Ad oggi Anas, oltre ad essere proprietario delle reti di strade statali, è anche gestore di strade ex statali, regionali e provinciali trasferite nella competenza Anas a seguito del piano “Rientro strade” iniziato nell’agosto 2017 con l’intesa sancita dalla Conferenza Unificata per la revisione delle reti di 11 regioni e proseguito con l’emissione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri il 20 febbraio 2018 e il successivo DPCM del 21 novembre 2019 (per dettagli vai alla sezione “Rientro strade”).

In materia d'uso delle strade vige il principio che quando si tratta di uso ordinario, tale uso è libero a tutti e non è subordinato ad alcun atto amministrativo; per gli altri usi consentiti e in particolare per l’uso eccezionale, occorre un preliminare provvedimento dell'autorità competente. Tale provvedimento può consistere in una licenza o concessione.

Le autorizzazioni (o licenze) sono una tipologia di atto amministrativo che, rimuovendo un limite posto per motivi di pubblico interesse, rendono possibile l’esercizio di un diritto già esistente.

Le concessioni, a differenza delle autorizzazioni, attribuiscono invece ai soggetti che ne fanno richiesta nuovi poteri o diritti; le concessioni rilasciate da Anas sono della specie indicata in dottrina come costitutive e tendono a concedere al richiedente l'uso e l'occupazione di aree demaniali per uno scopo diverso da quello cui il bene demaniale è direttamente destinato.

Anas pertanto, in qualità di Ente proprietario delle rete di strade statali e di gestore di strade ex statali, regionali e provinciali trasferite a seguito del suddetto piano “Rientro strade”, rilascia licenze e concessioni nel rispetto delle norme del Codice della Strada (D.Lgs. 30.04.1992, n. 285) e del relativo Regolamento di Esecuzione e di Attuazione (D.P.R. 16.12.1992, n. 495) e ss.mm.ii. nonché delle normative specifiche regolanti singole materie che permettono e, in caso, regolamentano:

  • Gli attraversamenti/fiancheggiamenti per allacci alla rete dei servizi pubblici (linee elettriche, reti fognanti, adduzione idrica, gas) su delega del gestore;
  • Gli attraversamenti/fiancheggiamenti per la realizzazione di nuove reti (linee elettriche, reti fognanti, adduzione idrica, gas) o per il rifacimento di reti esistenti (riservato ai gestori di rete);
  • L’Installazione di steccati provvisori, ponteggi, gru a traliccio;
  • L’Installazione di recinzioni dotate o meno di un accesso;
  • L’apertura di accessi carrabili diretti su strade statali o strade di servizio (strade parallele) ad uso agricolo, civile abitazione, commerciale e industriale, o modifica di accessi esistenti;
  • La realizzazione di opere in elevazione quali sostegni per illuminazione pubblica, impianti semaforici, impianti di videosorveglianza ed altro;
  • La realizzazione di opere in fascia di rispetto quali pedane, gazebo ed altre;
  • Il rilascio di provvedimenti per le richieste di concessione di deroga, ai sensi dell'art. 2.1.07, comma d del D.M. LL.PP. 21.03.1988, n. 449, per l'installazione o il mantenimento di sostegni per linee elettriche aeree a distanza non regolamentare dal confine di proprietà stradale;
  • Altre fattispecie quali pensiline, fermate TPL, attraversamenti pedonali ed altro;
  • Gli impianti di carburanti: rilascio degli accessi a nuovi impianti di carburanti in fregio a strade statali, e modifica ad impianti esistenti previo accertamento della rispondenza delle distanze minime degli stessi da punti singolari della strada, della tipologia del fronte e degli accessi, della rispondenza delle norme edificatorie nell’ambito del piazzale degli impianti stessi. La relativa domanda deve essere presentata dal proprietario dell’impianto con la progettazione conforme alle disposizioni di legge vigenti ed alle circolari Anas ad oggi emanate (da richiedere secondo necessità alle competenti Strutture Territoriali).

 

Il parere sulla concessione della sanatoria edilizia va richiesto al competente Comune che provvederà, qualora l’opera oggetto di sanatoria ricada in fascia di rispetto stradale e sia antecedente al 1968, ad inoltrare l’intera documentazione ad Anas per il rilascio dell’opportuno nulla osta al solo fine della sicurezza stradale, così come previsto dalla Legge 47/85 e ss.mm.ii.

Nella pagina Leggi e normativa è possibile consultare la normativa di riferimento.

 

Come presentare domanda

Per presentare una istanza relativa ad una delle suddette tipologie, occorre compilare l’apposita domanda presente nella sezione modulistica e presentarla alla competente Struttura Territoriale Anas (vai alla pagina dei contatti) mediante:

  • invio a mezzo PEC;
  • invio a mezzo Posta;
  • consegna a mano, in orario di apertura degli uffici al pubblico.

Come pagare

Tutti i pagamenti richiesti da Anas devono essere effettuati attraverso la piattaforma PagoPa (vai alla pagina dei Pagamenti).

Come comunicare la variazione dei dati anagrafici

Per comunicare la variazione dei dati anagrafici è sufficiente inviare una Pec alla competente Struttura Territoriale, allegando copia di un documento di identità in corso di validità o di una visura camerale in caso di Società (vai alla pagina dei contatti).

 

Pratiche di competenza della Direzione Generale

  • Impianti di carburanti: quesiti di particolare complessità o di carattere generale posti da Uffici Periferici di Anas, da Società petrolifere, da Associazioni operanti nel settore.
  • Attraversamenti di strade statali e autostrade: rilascio della concessione quando i lavori comportano modifiche plano-altimetriche del tracciato delle strade e autostrade statali.
  • Innesti e/o svincoli a raso o a piani sfalsati: rilascio della autorizzazione quando ciò comporta modifiche plano-altimetriche o nel caso in cui gli uffici periferici ritengano opportuno un intervento della Direzione Generale.
  • Aree di servizio autostradali: consulta la sezione dedicata.
  • Contenzioso: esame del contenzioso inviato dagli Uffici Periferici o da privati per pratiche attinenti a concessioni, autorizzazioni, rimborsi per indennizzi, ecc.

Per le suddette pratiche rivolgersi a:

Anas S.p.A.
Direzione Operation e Coordinamento Territoriale
Via Monzambano, 10
00185 Roma

 


 

BENI IMMOBILI: TERRENI E FABBRICATI

 

Le case cantoniere e, più in generale gli immobili in proprietà o in uso a Anas, sono strumentali alla nostra attività. Nell'ambito della Direzione Operation e Coordinamento Territoriale, la struttura "Assetto Economico Rete - Patrimonio Immobiliare" si occupa del rilascio di concessioni amministrative dei beni immobili che non abbiano funzioni di servizio, valutando la coerenza delle richieste ricevute da parte di istituzioni, enti, associazioni, o privati, rispetto alle esigenze di valorizzazione del patrimonio immobiliare. 

Per comunicare l'interesse e avviare la richiesta di concessioni amministrative è possibile rivolgersi all'Area Compartimentale territorialmente competente. 

 

Come fare e dove rivolgersi

Per comunicare l’interesse e avviare la richiesta di concessioni amministrative è possibile rivolgersi all’Area Compartimentale territorialmente competente. I contatti di tutte le nostre sedi sono nella pagina dei contatti.

Apri il pdf del tariffario relativo agli oneri di istruttoria e di sopralluogo dell'anno 2019.

 


 

Per assistenza i clienti possono contattare il Servizio Clienti tramite il numero verde 800 841 148 o via e-mail agli indirizzi servizioclienti@stradeanas.itservizioclienti@postacert.stradeanas.it.

Il Servizio Clienti - Direzione Generale, via Monzambano 10, Roma – è aperto al pubblico dal lunedì al giovedì dalle ore 9:30 alle 12:30 e dalle ore 15:00 alle ore 17:00, il venerdì dalle ore 9:30 alle 12:30.

 

Per maggiori informazioni su licenze e concessioni, consultate il nostro documento sulle domande e risposte più frequenti.