• Foto_manutenzione_Anas

Tu sei qui

Itinerario E45-E55

Il piano di riqualificazione dell’itinerario E45-E55

Sull’itinerario E45-E55 Orte-Mestre abbiamo avviato dal 2016 un imponente piano di riqualificazione per un investimento complessivo di 1,6 miliardi di euro, di cui oltre 1 miliardo destinato alla E45.

Si tratta del più importante investimento mai destinato a questa infrastruttura, in linea con la nuova strategia che punta sulla manutenzione e sulla valorizzazione della rete stradale esistente per recuperare il gap manutentivo accumulato negli anni precedenti.

 

L’itinerario, che attraversa le regioni Umbria, Toscana, Emilia Romagna e Veneto, si sviluppa lungo quattro strade statali per 403 km.

E45-E55 itinerario

Il piano prevede il risanamento profondo della pavimentazione, l’ammodernamento delle barriere di sicurezza, il risanamento di ponti e viadotti, l’adeguamento degli impianti tecnologici di sicurezza in galleria, il rifacimento della segnaletica e altri importanti interventi per il miglioramento del livello di servizio e degli standard di sicurezza della circolazione.

I cantieri vengono aperti in modo scaglionato e graduale secondo un piano pluriennale per poter eseguire i lavori evitando eccessivi disagi al traffico.

 

Gli appalti sono aggiudicati secondo il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa e prevedono l’utilizzo dello strumento dell’Accordo Quadro, che garantisce la possibilità di avviare i lavori con la massima tempestività nel momento in cui si manifesta il bisogno, senza dover espletare ogni volta una nuova gara di appalto.


 

FOCUS E45

Pavimentazione

Un investimento da 220 milioni di euro, tra lavori completati, in corso o in fase di avvio, interessa il risanamento profondo della pavimentazione. 72 milioni di euro riguardano il tratto umbro, 12 milioni nel tratto toscano e 136 nel tratto romagnolo (fino al confine con il Veneto).

In particolare, nel 2018 Anas ha avviato lavori di risanamento profondo della pavimentazione per un investimento di circa 110 milioni di euro complessivi (65 nel tratto umbro, 12 nel tratto toscano e 33 nel tratto romagnolo) . Gran parte di questi cantieri sono sospesi nei mesi di gennaio e febbraio a causa delle temperature basse e saranno riavviati in primavera.

I lavori consistono, in particolare, nella completa rimozione della vecchia pavimentazione e nel rifacimento della fondazione stradale fino agli strati più profondi, al fine di migliorare la resistenza del piano viabile. Gli interventi comprendono anche la sistemazione idraulica e il rifacimento della segnaletica orizzontale.

Su tutta la E45 è prevista anche la totale riqualificazione della segnaletica verticale per complessivi 8,5 milioni di euro. Gli interventi sono in corso sul tratto umbro.

E45-E55 rifacimento profondo pavimentazioni

 

Ammodernamento gallerie

Per quanto riguarda l’ammodernamento degli impianti tecnologici di sicurezza in galleria, sull’itinerario E45 Orte-Cesena sono state già adeguate quasi tutte le gallerie di lunghezza superiore a 500 metri; i lavori restano in corso su 2 gallerie nella regione Emilia Romagna che si concluderanno entro l’anno (Montecoronaro e Roccaccia) mentre sulla galleria Lago di Quarto è stato recentemente completato il progetto esecutivo per un investimento di circa 38 milioni di euro ed è previsto a breve l’avvio dei lavori tramite l’Accordo Quadro già aggiudicato.

L’ammodernamento riguarda: l’illuminazione, che viene sostituita con tecnologia LED; l’introduzione di segnaletica luminosa utile in caso di emergenza; l’installazione di pannelli a messaggio variabile per dare indicazioni in tempo reale agli automobilisti; stazioni SOS e – in alcuni casi – bypass pedonali pressurizzati per consentire l’evacuazione delle persone in caso di incendio; impianto antincendio con rilevamento automatico, l’introduzione di un impianti di videosorveglianza e altri sistemi di sicurezza altamente tecnologici. Tutti gli impianti vengono realizzati con capacità di resistenza al fuoco e sono gestiti da remoto in tempo reale dalle nostre sale operative sul territorio.

Nell’ambito del piano di riqualificazione della E45, attualmente in fase di realizzazione, è inoltre previsto l’ammodernamento degli impianti tecnologici agli standard europei anche nelle gallerie di lunghezza inferiore a 500 metri che non sono comprese nella normativa che ne impone l’adeguamento.

Galleria E45 dopo interventi di manutenzione

 

Viadotti e barriere

Nel tratto toscano - in provincia di Arezzo sono stati ultimati i lavori di manutenzione del viadotto “Lago”, tra Pieve Santo Stefano e Madonnuccia, per un investimento di 3,15 milioni di euro. Nei prossimi mesi è inoltre previsto l'avvio dei lavori di riqualificazione del viadotto “Tevere IV” (lungo oltre 1,5 km) già appaltati per un investimento di oltre 24 milioni di euro, oltre all’intervento avviato in questi giorni sul viadotto Puleto, per un investimento di 2,5 milioni di euro, che era stato consegnato all’impresa esecutrice lo scorso dicembre..

Il 13 febbraio 2019 il viadotto Puleto, in provincia di Arezzo, è stato riaperto al traffico leggero dopo che la Procura della Repubblica di Arezzo ha notificato il provvedimento con il quale autorizza la riapertura parziale. Il tratto stradale era stato chiuso il 16 gennaio 2019, quando la Procura ha disposto il sequestro preventivo del viadotto. Il transito è ora consentito a tutte le autovetture e ai vicoli con massa a pieno carico non superiore a 3,5 tonnellate, secondo quanto già disposto dalla Procura stessa. Per i mezzi pesanti restano invece valide le deviazioni sui percorsi alternativi già utilizzati. Sono attivi filtri e controlli da parte del personale Anas e Forze dell’Ordine. Al contempo proseguono i lavori di manutenzione programmata già previsti nel piano Anas di riqualificazione della E45. L’intervento di manutenzione del viadotto Puleto riguarda, in particolare, il risanamento del calcestruzzo, il miglioramento sismico dell’opera, il rifacimento dei giunti, il rifacimento dei cordoli e l’ammodernamento delle barriere laterali di sicurezza.

A seguire, saranno realizzati gli interventi di risanamento strutturale e sostituzione delle barriere dei viadotti “Torre Isola” e “Tevere III” per 2 milioni di euro e i lavori di ripristino strutturale delle gallerie “Poggio”, “Madonnuccia” e “Pozzale” per ulteriori 3 milioni di euro.

Questi interventi si aggiungono a quelli eseguiti negli anni recenti su 11 viadotti per complessivi 5 km circa (viadotti Balzaccia, Stantino, Ancione, Tevere I, Valsavignone, Melello, Zonchi, Cappella, Mangiatore, Tignana, Sinigiola e Ansa del Tevere), che hanno quasi sempre riguardato anche l’ammodernamento delle barriere laterali di sicurezza, mentre lungo l’intero tratto toscano sono stati adeguati circa 18 km di barriera spartitraffico.

 

Nel tratto romagnolo - Sono stati ultimati i lavori di riqualificazione dei viadotti dello svincolo di Canili e sono in fase di imminente avvio lavori per oltre 12 milioni di euro che riguardano il risanamento del viadotto “Teveriola 1” e dei viadotti sul fiume Savio in carreggiata sud. A seguire saranno avviati altri 4 interventi, già aggiudicati, che coinvolgono i viadotti Bevano, Fosso ghiaia, Teveriola I, Teveriola I bis, e Teveriola II, per un investimento di oltre 13 milioni di euro. Inoltre sono in corso di esecuzione gli interventi per la chiusura dei varchi sullo spartitraffico per 1 milione di euro.

Tali interventi si aggiungono a quelli completati per oltre 12 milioni di euro, che hanno riguardato il risanamento e la riqualificazione dei viadotti sul fiume Savio in carreggiata nord, di tutti i viadotti dello svincolo di Bagno di Romagna e del viadotto Savio IV.

Sono infine di prossimo avvio lavori di manutenzione viadotti e barriere per complessivi 25 milioni di euro.

 

Nel tratto umbro - al termine dei lavori di pavimentazione già avviati, sono previsti nei prossimi mesi i lavori di ammodernamento delle barriere laterali e sostituzione dello spartitraffico centrale per 28 milioni di euro mentre sono già avviati i lavori di rifacimento della segnaletica verticale e chiusura dei varchi sullo spartitraffico. 

Gli interventi si aggiungono ad altri completati tra cui, l’ammodernamento dei viadotti Fiacchignano, Selciata, Castagnola, Rocchette e Marinata per un investimento complessivo di oltre 8 milioni di euro.

 

Guarda le foto “PRIMA-DOPO” di alcuni lavori completati

 


 

FOCUS E55

 

Emilia Romagna

Un investimento di oltre 105 milioni di euro è previsto per la realizzazione di lavori nel tratto emiliano del tracciato. Nel dettaglio i lavori ultimati o in corso ammontano a 12 milioni di euro, 55 milioni riguardano lavori in progettazione mentre 38 milioni sono in programmazione.

I lavori in corso includono il risanamento profondo, rinforzo del piano viabile, ripristino di banchine laterali, sistemazione dell’idraulica di piattaforma, segnaletica orizzontale, segnaletica verticale, fornitura e/o posa in opera di barriere stradali. A ottobre 2018 lo stato dei lavori registra un avanzamento pari al 93%.

E55 - SS16 prima/dopo i lavori

Tratto emiliano della E55 prima/dopo i lavori

Tra le opere in progettazione ci sono: gli interventi di razionalizzazione e adeguamento delle intersezioni a raso, di inserimento piazzole di sosta e di adeguamento delle barriere di sicurezza lungo la SS309 “Romea”; il miglioramento del collegamento tra SS16 e SS309 dir; lavori di manutenzione straordinaria del viadotto sul porto canale di Porto Garibaldi al km 25,291.

Tra gli interventi in programmazione ci sono i lavori di ripristino del ponte sullo scolo Baronia, del ponte sul canale Logonovo, del ponte sul fiume Lamone, sul canale “Destra Reno”, sul fiume Reno e sul canale Confina dal km 8,140 al km 23,500 della SS309 e del ponte sullo scolo Canala e del ponte sulla linea ferroviaria Ravenna - Ferrara dal km 3,130 al km 3,970 della SS309 dir.

 

Veneto

Sul tratto veneto dell’Itinerario E55 si è  conclusa un’importante fase dei lavori di riqualificazione della strada statale 309 “Romea”. Gli interventi riguardano la nuova pavimentazione per un valore complessivo di oltre 10 milioni di euro. I lavori hanno riguardato il rifacimento completo della pavimentazione su un tratto di circa 55 km sui complessivi 71 del tratto regionale, tra le province di Venezia, Padova e Rovigo.

Lavori E55 Veneto (2)

Si tratta del  75% del tracciato dove si sono svolte le attività di risanamento superficiale del manto stradale attraverso il rifacimento  dello strato di collegamento (binder) e  dello strato di usura, nonché la realizzazione della nuova segnaletica orizzontale, in tratti saltuari tra il km 55,730 e il km 126,770.

I territori comunali interessati dai lavori sono stati 9: Ariano nel Polesine, Taglio di Po, Porto Viro, Rosolina, Chioggia, Codevigo, Campagna Lupia, Mira e Venezia.

 

Guarda le foto “PRIMA-DOPO” di alcuni lavori completati

 

Lavori E55 Veneto

Nei prossimi mesi, lo stesso tratto, sarà interessato da diversi lavori di manutenzione straordinaria. I primi a partire saranno interventi sulle numerose opere d’arte esistenti sul tracciato, proseguendo anche con lavori di ammodernamento della segnaletica verticale, la sostituzione e ripristino di barriere di sicurezza, fornitura e posa in opera di barriere acustiche, impianti di illuminazione stradale, interventi di ripristino giunti e risanamenti corticali e adeguamento di piazzole di sosta e golfi di fermata.

 

 


LE NEWS

Leggi tutti i comunicati stampa su viabilità, opere e lavori 

Itinerario E45 

Itinerario E55