• Immagine di un viadotto su un lago

Tu sei qui

Investimenti

Il Piano industriale 2016-2020 ha tra gli obiettivi l’accelerazione degli investimenti per raggiungere la quota annuale di circa 3 miliardi di euro.

Gli investimenti sono definiti dal Piano pluriennale degli investimenti  e sono realizzati sulla base dei finanziamenti attribuiti dallo Stato e da strumenti di finanziamento di origine comunitaria, attraverso molteplici strumenti di programmazione tra cui il Contratto di Programma tra Anas ed il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Il Piano 2016-2020 prevede investimenti per 23,4 miliardi inclusi nel Contratto di programma, 6,1 miliardi di interventi in fase di attivazione o in corso di esecuzione, 3,7 miliardi di nuovi investimenti in corso di finanziamento tramite gli strumenti FSC e Fondo Infrastrutture, per un piano complessivo di spesa di circa 33 miliardi.

contratto_di _programma

Il piano viene definito con il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, in base a criteri (analisi della rete; analisi del traffico e dell’incidentalità; analisi del fabbisogno infrastrutturale) e individuando le priorità.

Elementi innovativi del piano pluriennale 2016-2020 sono:

  • Indice di redditività trasportistica (Costi/Benefici) per l’individuazione delle nuove opere
  • Pianificazione della manutenzione straordinaria sull’analisi del fabbisogno
  • Project Review

Per quanto riguarda l’attività di “Project Review”, abbiamo elaborato un nuovo approccio progettuale teso alla riduzione di costi e tempi, che permette di raggiungere gli obiettivi di:

  • Sostenibilità (aspetti ambientali e idrogeologici; consenso sociale; minimizzazione di tempi e costi di realizzazione)
  • Funzionalità (sicurezza; comfort di guida; nuove tecnologie)
  • Valorizzazione (sviluppo socio-economico; estensione del ciclo di vita delle infrastrutture)

La strategia di Project Review scaturisce da una visione rinnovata di sviluppo e valorizzazione della rete infrastrutturale, orientata all’innalzamento degli standard di sicurezza, funzionalità e comfort ed al contenimento dei tempi di esecuzione e del consumo di risorse ambientali ed economiche

Tra i principali esempi di questa rivoluzione innovativa:

  • Autostrada A19 Palermo – Catania
  • Itinerario E45-E55 Orte - Mestre
  • Autostrada del Mediterraneo (ex A3 Salerno – Reggio Calabria)

Per questi itinerari, saranno realizzati interventi mirati alla manutenzione straordinaria della sede stradale nella sua attuale configurazione, con interventi strutturali e di messa in sicurezza delle opere presenti, anche per superare gli elementi di criticità connessi al contesto geomorfologico. Saranno adeguate anche le dotazioni impiantistiche e di illuminazione, sicurezza ed infomobilità.