• banner_il_Paese nel_cuore

Tu sei qui

I progetti

GRAART

La rete stradale gestita da Anas è una infrastruttura capillare che mette in connessione tutto il Paese. Un’infrastruttura che caratterizza il tessuto urbano e lo modifica e di cui è importante prendersi cura, per far sì che l’esperienza di viaggio sia il più piacevole possibile.

Per questo Anas ha dato vita al progetto GRAART, un’iniziativa per valorizzare il Grande Raccordo Anulare – l’infrastruttura viaria più importante della Capitale – attraverso l’arte contemporanea urbana.

GRAArt_Chekos

Dieci Urban Artist internazionali hanno realizzato opere ispirate al mito della Città Eterna su sottopassi e rampe del GRA, dando vita ad un’opera d’arte collettiva che esprime l’identità del territorio in cui si trova raccontandone la storia e le leggende.

Il progetto, ideato da David Diavù Vecchiato, esponente di spicco dell’Urban art in Italia e fondatore di MURo, gode del patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Per saperne di più leggi il comunicato stampa e visita il sito web dedicato www.graart.it

 

CASE CANTONIERE

1244 case cantoniere che da due secoli costellano le statali italiane, da nord a sud, costituiscono un patrimonio unico e un simbolo della nostra storia importante da preservare.

Per questo motivo Anas ha dato vita ad un progetto di riqualificazione di alcune case cantoniere attualmente in disuso, all’insegna del turismo sostenibile.

Grazie ad un accordo con il Ministero dei beni e delle attività culturali (Mibact), il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Mit) e l’Agenzia del demanio, il progetto prevede la concessione delle case cantoniere per lo sviluppo di attività legate al turismo, alla cultura, all’ospitalità e alla ristorazione: luoghi di promozione di prodotti locali, infopoint dotati di wifi, ristoranti, ostelli, bar e stazioni di ricarica per auto elettriche, luoghi aperti ai turisti e ai viaggiatori.

Un’operazione di valorizzazione turistico culturale in cui le case cantoniere diventeranno il punto di intersezione tra storia, territorio, cultura, strade e viaggiatori.

Per saperne di più: clicca qui

 

 

A2 AUTOSTRADA DEL MEDITERRANEO

Viadotto Italia

L’Autostrada del Mediterraneo è una strada unica al mondo, tra Campania, Basilicata e Calabria, che collega paesaggi, opere artistiche, reperti archeologici e luoghi pieni di storia. Non solo quindi un luogo di passaggio, ma anche un’opera lungo la quale accedere, apprezzare e riscoprire i territori del Sud Italia attraversati dal tracciato.

Per questo Anas ha deciso di investire in un piano di valorizzazione e promozione del territorio in cui passa l’Autostrada del Mediterraneo, per consentire a tutti i viaggiatori di conoscere l’incredibile valore dei luoghi che attraversano.

Il progetto si è concretizzato nella creazione di dieci itinerari: castelli, archeologia, mito, mare, parchi, storia, fede, caffè, sport e sulle orme di Bacco e Cerere, richiamati dalla cartellonistica autostradale e da totem all’interno delle aree di servizio che invitano gli automobilisti a concedersi una deviazione dal proprio tragitto per scoprire profumi e sapori del Meridione.

Un nuovo viaggio attraverso il Sud Italia proposto anche tramite un sito web (www.autostradadelmediterraneo.it) e un’app dedicati, grazie ai quali il viaggiatore può scoprire la storia, il tracciato e gli svincoli dell’A2, avere informazioni e notizie sulla viabilità e suggerimenti e suggestioni sui luoghi delle dieci ‘Vie’ che è possibile raggiungere con l’Autostrada del Mediterraneo.

Per saperne di più leggi il comunicato stampa 

 

 

STRADA DEGLI SCRITTORI

strada scrittori

Il legame che c’è fra una strada e il territorio in cui si inserisce è fatto anche di tutte le storie accadute nei luoghi che la strada collega e dalle storie delle persone che quelle storie le hanno vissute.

È così che la strada statale 640, che in Sicilia collega Porto Empedocle a Caltanissetta e che grazie al progetto di Anas è stata rinominata “Strada degli scrittori”, non è più solo una strada, ma anche un modo per raccontare la storia e le opere degli scrittori siciliani  attraverso i luoghi da loro vissuti, amati e raccontati nei loro romanzi.

Un itinerario che ripercorre i luoghi siciliani che hanno visto nascere e produrre i grandi autori - Luigi Pirandello, Leonardo Sciascia, Andrea Camilleri, Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Antonio Russello, Pier Maria Rosso di San Secondo, per citarne solo alcuni - che hanno appassionato e formato intere generazioni.

Per saperne di più visita la sezione dedicata ed il sito www.stradadegliscrittori.it