Vai direttamente al contenuto saltando i menu di navigazione

Menu di navigazione 1

Percorso corrente nel sito

Menu di navigazione 2

Menu di navigazione 3

Grande Raccordo Anulare di Roma

Pagina: 1/2 Prima pagina Pagina avanti

Vista galleria uscita Ipogeo degli Ottavi Vista galleria uscita Ipogeo degli Ottavi

Il Grande Raccordo Anulare di Roma

Il Grande Raccordo Anulare di Roma è la struttura viaria che, circondando completamente la capitale, consente agli automobilisti di raggiungere le diverse zone della città di Roma dall’esterno dell’area urbana, evitando così di “soffocare” il centro cittadino con un impressionante volume di traffico.

Il GRA è una realtà di particolare rilevanza per la Capitale e l’area metropolitana: questa imponente infrastruttura realizza un raccordo autostradale con le grandi direttrici nazionali, assolvendo allo stesso tempo alla funzione di tangenziale esterna per il collegamento delle aree periferiche, interessate da un crescente fenomeno di pendolarismo con il centro della città (che ha prodotto transiti sul GRA che raggiungono anche 160.000 passaggi/giorno).

Un’autostrada con trentatre uscite per complessivi sessantotto chilometri circa di lunghezza. Un’uscita in media ogni 2,3 chilometri. Un’arteria importantissima, inserita nel quadro trasportistico nazionale e locale. Un anello essenziale per lo smistamento dei traffici italiani ed europei.

Per rispondere ad una richiesta di mobilità in continua crescita e per offrire agli utenti condizioni operative sempre più sicure, la struttura deve essere migliorata ed aggiornata di continuo.

L'Anas, di concerto con le Amministrazioni comunale e regionale, negli anni Novanta ha intrapreso il potenziamento dell'autostrada con la realizzazione della terza corsia per ogni senso di marcia, a causa dell'aumento dei volumi di traffico, rispetto a quanto previsto all'atto della classificazione dell'arteria (1978). Ai tratti già adeguati (33 km), si sono aggiunti gli interventi del programma Giubileo 2000. Il completamento del Programma “Giubileo” dell’Anas ha previsto la quasi totale ristrutturazione dell’autostrada, in modo da garantire ovunque la perfetta fluidità del traffico in condizioni normali di esercizio. Tali interventi hanno permesso l'eliminazione delle discontinuità nei tratti compresi tra le autostrade Roma-Firenze, Roma-L'Aquila, Roma-Napoli e Roma-Fiumicino.

Contestualmente è stato avviato l’ammodernamento dell’ulteriore ultimo tratto di completamento della terza corsia ( Quadrante Nord – Ovest ).

I lavori di adeguamento a tre corsie per ogni senso di marcia dell’Autostrada del Grande Raccordo Anulare di Roma hanno riguardato il tratto compreso tra lo svincolo Aurelia e lo svincolo Flaminia tra il Km 0 + 450 ed il Km 18 + 800 per una lunghezza di circa 18,5 Km.

L’adeguamento ha consentito di ampliare la piattaforma stradale, portando la precedente sezione stradale da 20,00 a 33,50 metri con tre corsie da 3.75 metri per ogni senso di marcia, corsie di emergenza da 3.50 metri e spartitraffico da 4.00 metri.

L’asse principale, mantenuto anche in Galleria, presenta una sezione stradale conforme alla categoria A – strada extraurbana principale – D.M. 05.11.2001 e prevede una velocità di progetto tra i 110 ed i 140 km/h.

Il costo complessivo dell’intervento è stato di 623 milioni di euro.

L’ammodernamento ha prodotto la riduzione del 30% dei tempi di percorrenza del GRA, migliorando la qualità della vita sia di chi si reca a Roma quotidianamente per motivi di lavoro e sia di chi invece risiede in città.

Per la gestione dell’esercizio il GRA è stato dotato di strumenti informatici utilizzati per monitorare il traffico, consentendo quindi di intervenire in tempo reale nelle situazioni di criticità e trasformando il GRA in una delle autostrade a più alto contenuto tecnologico d’Europa, più sicura e moderna.

I lavori di ammodernamento del GRA sono stati consegnati a marzo 2003 e negli anni 2006 – 2007 e sono stati quasi completamente ultimati, in quanto è stato aperto un primo tratto di circa 10 km tra lo svincolo Aurelia e la località Selva Candida, un secondo tratto di circa 5 km compreso tra lo svincolo con la S.S. Cassia e lo svincolo con la S.S. Flaminia ed inoltre sono stati aperti al traffico le carreggiate principali relative ai lotti in corrispondenza della Via Trionfale e della Via Flaminia comprendente il nuovo Ponte sul fiume Tevere.

Lungo questi tratti del GRA sono state inaugurate importanti opere d’arte, quali la galleria Trionfale di 464 metri, la galleria Villa Romana di 168 metri in corrispondenza dello svincolo Trionfale, il viadotto Quarto degli Ebrei di 111 metri, la galleria Volusia di circa 450 metri e il nuovo importante ponte sul fiume Tevere che attraversa il fiume con una campata di circa 350 metri.

Il nuovo svincolo di Via Trionfale assume un’importanza strategica nel sistema dei trasporti della Capitale perché costituisce il raddoppio dell’attuale Via Trionfale, agevolando il raggiungimento di importanti destinazioni quali la statale 1 “Via Aurelia” e l’hub internazionale di Fiumicino.

Questo consente anche il collegamento del GRA con la stazione Ipogeo degli Ottavi della linea ferroviaria Roma-Viterbo FM3 garantendo, in tal modo, il potenziamento dell’interscambio ferro-gomma e quindi la diminuzione del traffico sulla Via Cassia, specie nel tratto compreso tra la Giustiniana ed il GRA caratterizzato da un volume di traffico che rende tale arteria intasata per molte ore della giornata.

Planimetria GRA Planimetria GRA
Anas S.p.A. - Società con Socio Unico - P.I. 02133681003